TERZA PARTE Guerra all’Ucraina: le radici storiche di un conflitto. Analisi geopolitica dell’attacco russo

Terza parte del nostro speciale sulla guerra in Ucraina, sulla geopolitica e sulla Russia. In questo capitolo parliamo dei fatti di Maidan, della Rivoluzione Arancione e delle sue conseguenze; delle tensioni crescenti con la NATO, della complessa politica ucraina e dell’avvento di Zelensky

SECONDA PARTE Guerra all’Ucraina: le radici storiche di un conflitto. Analisi geopolitica dell’attacco russo

affresco soldato sovietico

Seconda puntata del nostro racconto storico sulle dinamiche della geopolitica russa: da Stalin a Putin attraverso la massima espansione dell’Unione Sovietica e il suo collasso. Spieghiamo l’origine e il concetto della “finlandizzazione” e l’odierna, progressiva, espansione della NATO.

Guerra all’Ucraina: le radici storiche di un conflitto. Analisi geopolitica dell’attacco russo

ritratto ideale di Ivan il terribile

La storia della Russia ed i suoi destini geopolitici. Un analisi in quattro puntante (più le conclusioni) per capire, spiegare, meglio comprendere la guerra all’Ucraina, che non è solo la scelta criminale di un leader impazzito. Nel nostro speciale, ripercorriamo i passati 500 anni alla ricerca di quelle costanti che determinano la vita delle nazioni. Nella prima puntata, partiamo da Ivan il Terribile e arriviamo a Lenin.

Il caso Hunter Biden

di Marco Ottanelli Nel 2014, subito dopo Maidan, Hunter Biden, figlio dell’attuale presidente USA, aveva ottenuto un posto (assai profumatamente retribuito) nel CDA della azienda ucraina del gas Burisma. Burisima è controllata finanziariamente dall’oligarca con tripla nazionalità (ucraina, cipriota e israeliana) Kolomoisky, che è anche un politico, governatore della regione di Dnipro. Nel 2016, però, […]

Dal Kossovo alla Georgia, l’Italia è sempre più realista di qualsiasi re.

SECONDO CAPITOLO (clicca qui per leggere il primo capitolo) di Marco Ottanelli   La validità giuridica delle proclamazioni di indipendenza: Kosovo e Ossezia Il 21 febbraio 2008 il consiglio dei Ministri del governo Prodi approva la relazione del ministro degli affari esteri, Massimo D’Alema, e riconosce la indipendenza del Kosovo. La regione serba sotto il […]